Bicchieri da birra: come si scelgono?

Tags: bicchieri da birra boccale da birra

Altglass, balloon, calice a chiudere, calice a tulipano, colonna conica, colonna biconica: sono solo alcuni dei principali bicchieri da birra presenti sul mercato e nei locali dedicati. Si è sviluppato anche un particolare collezionismo legato ai differenti bicchieri da birra, le cui forme andrebbero associate ad altrettante birre diverse, a seconda del colore e del gusto.

 

Dal corno potorio al Teku: parliamo di storia

 

Una storia millenaria separa i primi bicchieri da birra, che risalgono ai popoli del Nord Europa dell'Alto Medioevo, dai modelli più recenti, realizzati un decennio fa. La birra, intesa come bevanda derivata dalla fermentazione di cereali, come frumento e orzo, era nota già presso Sumeri ed Egizi. Se i Greci la apprezzavano e la consideravano “il vino d’orzo”, i Romani, invece, la ritenevano una bevanda meno degna d’interesse. Ma presso i Celti era comunemente prodotta e consumata e, allo stesso modo, anche tra i vichinghi. Questi ultimi, in particolare, erano abituati a utilizzare come boccale il corno potorio, una sorta di bicchiere “ante litteram” ricavato dal corno di mammifero bovide e impiegato, appunto, come recipiente per bere presso i popoli nordici dell'Alto Medioevo. Il Teku, invece, evoluzione ultramoderna dei primissimi recipienti, è stato creato dieci anni fa, inizialmente come bicchiere ad hoc per le degustazioni professionali o didattiche e poi diffusosi presso pub e birrerie, così come in manifestazioni e fiere a tema.

 

Tipologie di bicchieri da birra: come si sceglie quella giusta?

 

Le diverse forme dei bicchieri da birra, utilizzati comunemente in pub e birrerie, non hanno solo una valenza estetica o di marketing, visto che, in certi casi, sono associati a dei marchi specifici di birra, nati anche per conquistare e fidelizzare i clienti. Le tipologie dei bicchieri da birra sono legate soprattutto alle diverse birre, che si distinguono per caratteristiche come la composizione e il colore. In linea di massima, i bicchieri da birra a forma allungata e slanciata andrebbero bene per le birre a bassa fermentazione, che sprigionano aromi poco forti e poco intensi. Le birre ad alta fermentazione, invece, richiederebbero come bicchieri da birra delle coppe o balloon che consentono di valorizzare la loro componente aromatica, più intensa e complessa delle prime.

 

Boccale di birra bavarese: quando si usa?

 

Tra i bicchieri di birra iconici e più famosi al mondo, figura sicuramente il maß (o mass), che con ogni probabilità avrete visto in molti festival, fiere e manifestazioni folcloristiche a tema. Con questa espressione, in lingua seidel, si fa riferimento al tipico boccale di birra bavarese, ampiamente capiente e perfetto per degustare, in particolare, le birre a bassa gradazione alcolica. Ne esistono diversi formati: da un litro, proprio, appunto, del maß (o mass) dell’Oktoberfest – ma anche da 50, da 30 e da 20 centilitri. Pratico e robusto, dotato di impugnatura ad hoc, il boccale di birra bavarese, come lo vediamo oggi, specie in occasioni di molti eventi di folklore, era realizzato, anticamente, in ben altri materiali, dal legno all'argento, fino alla ceramica. La realizzazione in vetro del boccale di birra bavarese risale all'incirca alla metà del XIX secolo.